Quanto è lunga la litania di parole e di fatti con cui si continua a cantare i fasti ma anche, con immensa contraddizione, i nefasti dell’economia imperante. Globalizzazione o liberoscambio, cui si oppone ormai protezionismo, a cominciare da chi ce li ha imposti (gli americani); liberalizzazione, così devastatrice del servizio pubblico da dover richiedere l’intervento dello Stato e delle sue finanze per porre qualche pezza (v. servizio postale, energia elettrica, ferrovie, salute); delocalizzazione delle produzioni mettendo i lavoratori gli uni contro gli altri, tanto negativa nelle conseguenze da dover ripescare il patriottismo per ottenere voti e alzare muri; mitizzazione del prezzo basso comprimendo i salari, precarizzando il lavoro, evitando il fisco ma sempre riuscendo ad alzare i profitti; finanziarizzazione di tutto, tanto che dell’oligarchia finanziaria che si rafforza paradossalmente crisi dopo crisi non ci si libera perché ha imbrigliato la politica e tutta la società; insicurezza come condizione umana permanente e non tanto per il terrorismo.


Il tipo di economia impostoci e affermatosi, tanto da intrappolarci tutti come fosse l’unica alternativa che dà benessere e felicità, è fondato su dei dogmi: ogni cosa va misurata con il denaro, il mercato è l’unico giudice credibile, nessuna azione è giustificata se non dà una redditività immediata, criteri imperativi sono la competitività o la concorrenza che si ottengono comprimendo i costi, principalmente i costi del lavoro (salario); conta ciò che si realizza nel breve tempo (cortoterminismo, assenza di progettualità); l’espansione continua (la crescita) è il motore vitale e quindi anche la natura va usata per alimentarlo.


Oggi ci si rende sempre più conto di due enormi contraddizioni che hanno mandato a sballo il paradigma. Primo, se comprimi i redditi, i salari, comprimi anche la domanda, la produzione, la crescita. Che potrai quindi sostenere solo se creerai redditi artificiali (indebitamento privato che crea a sua volta l’indebitamento pubblico; fortuna quindi della finanza e delle banche). Secondo, il mondo è finito, la natura è finita, la crescita – nonostante la grande fiducia nella tecnologia – non può essere infinita, l’economia ha dei limiti.
L’orizzonte esistenziale della nostra epoca è quindi ormai occupato da due fattori: l’ingiustizia o le disparità accresciute dal sistema che hanno in sé una carica esplosiva enorme; la crisi ambientale che incombe tanto su tutto il pianeta quanto, in forme specifiche e differenti, su ogni sua singola porzione.


Pessimismo? No. Coscienza che un nuovo “paradigma-uomo” deve prendere il posto di quello fallimentare. Lo si chiami poi decrescita, sobrietà, conversione ecologica, giustizia sociale e ambientale o economia dei beni comuni, è l’unica via d’uscita che può garantire equità nella distribuzione delle risorse, salvaguardia degli equilibri ecologici, ricupero delle conoscenze ed esperienze o del patrimonio del lavoro. Proprio il contrario di ciò che il sistema attuale in cui ci ci siamo impelagati ha mandando alla malora.

Pubblicato il 

06.07.17..
..
 
..
Nessun articolo correlato
..
..
.. ..