Le chiamano riforme, più che una parola un totem. Guai a non volerle, chi non le ama è un conservatore e l'Italia d'oggi è degli innovatori. O rottamatori; di persone, idee, valori. La prima riforma renziana ha  rottamato i diritti dei lavoratori con l'abbattimento dei pilastri su cui si reggeva lo Statuto.

 

Due esempi: non c'è più la reintegra sul posto di lavoro dei dipendenti buttati fuori ingiustamente (art. 18), che si traduce in libertà di licenziamento; il lavoratore può essere spiato con tutti i mezzi disponibili, a differenza dei politici la cui privacy è garantita dalla nuova legge taglia-intercettazioni. Il jobs act “riforma” il mercato del lavoro ampliando le ingiustizie e la forbice dei diritti per categorie a tutela “crescente”, in realtà calante.


La seconda riforma fondamentale è quella che rottama un sistema elettorale vergognoso. Bene dunque. Anzi male, se invece di estendere democrazia e partecipazione le si restringono in nome della rapidità delle decisioni e della governabilità. Due rami del Parlamento con le stesse funzioni, si dice, sono una perdita di tempo e danaro. Dunque via il Senato, anzi non proprio via ma svuotato di poteri e non più elettivo. Altro che riempire il fossato che divide società e politica, quest'ultima in sciopero delle urne contro un Parlamento di nominati. Morale, l'Italicum (per la Camera) consegna ancora più nettamente (fino al 70%) ai partiti la scelta dei parlamentari sottraendola alla volontà popolare, mentre sulla riforma del Senato si litiga ancora, proprio sulla nomina e non l'elezione diretta dei membri ridotti (giustamente) a un terzo, 100 in tutto.

 

La lite è tra Renzi e il resto della politica: leghisti, berlusconiani, vendoliani e la sbrindellata minoranza del Pd che rivendica a voce sempre più bassa l'eleggibilità diretta e si dichiara disponibile a mediazioni poco esaltanti. Il coniglio uscito dal cappello renziano è una libertà di scelta finta perché sarebbe soltanto un'indicazione delegando la nomina all'istituzione regionale. L'altro aspetto che non va giù a opposizioni e minoranze Pd è l'enorme premio di maggioranza dato neanche alla coalizione vincente, ma al solo partito che prende più voti. Cosicché chi ha meno del 30% dei consensi (e a votare ormai è la metà degli aventi diritto) potrebbe avere la maggioranza assoluta dei parlamentari.


Per consentire lo snaturamento di funzioni e composizione del Parlamento bisogna modificare la Costituzione, ma non c'è problema, Renzi non si ferma di fronte a nulla. Neanche alla possibilità di modificare la legge fondamentale con pochi voti di maggioranza.


Renzi ha un punto di forza: nessuno vuole elezioni anticipate (salvo forse la Lega), per ragioni politiche e, più prosaicamente, per non perdere il cadreghino.

Pubblicato il 

24.09.15..
..

Rubrica

..
 
..
Nessun articolo correlato
..
..
.. ..